Ecco il nuovo smartphone Linux: PinePhone Pro

Gli sviluppatori in questi due anni – dal lancio del primo PinePhone – hanno raccolto i vari feedback degli utenti ed analizzato le svariate strade da percorrere per migliorare l’hardware.

Per questo motivo e soprattutto con grande sorpresa da parte di tutta la comunità, Pine64 ha presentato al pubblico l’ultimo suo smartphone di punta, PinePhone Pro, con al suo interno hardware più potente e sempre accompagnato dal sistema Linux.

Il PinePhone Pro è il risultato finale di questo viaggio. Al suo interno troviamo un processore Rockchip Hexa-Core RK3399S a 1, 5 GHz abbinato a 4 GB di RAM LPDDR4, 128 GB di memoria flash eMMC interna e GPU ARM Mali T860.
È dotato di uno splendido display IPS 1440×720 coperto con Corning Gorilla Glass 4 che offre una buona resistenza ai graffi e una grande chiarezza ottica.
Anche il comparto fotografico è protetto da Corning Gorilla Glass 4 e dove sono presenti una fotocamera principale da 13 MP e di una frontale da 5 MP.
Non solo, perché il dispositivo è dotato di acceleratore, giroscopio, sensori di prossimità, bussola e luce ambientale, jack audio da 3, 5 mm, Wi-Fi 802.11ac, Bluetooth 4.1, LED di stato, motore di vibrazione, slot Micro SD, pin pogo, porta USB-C per la ricarica, oltre a una batteria Samsung J7 da 3000mAh.

Come sempre dato che è uno dei suoi aspetti caratteristici, sotto la cover posteriore gli utenti troveranno i kill switch hardware per disabilitare entrambe le fotocamere, microfono, Wi-Fi e Bluetooth, jack per cuffie e modem LTE (incluso GPS).

Finita l’intera disamina hardware del nuovo PinePhone, dal punto di vista del software, PinePhone Pro è alimentato da Manjaro Linux con l’ambiente desktop KDE Plasma. Secondo la stessa Pine64, il dispositivo offre delle prestazioni simili ai recenti smartphone Android di fascia media, supportando giochi Linux nativi come SuperTuxKart e popolari emulatori di giochi retrò come PPSSPP o MAME.

Inoltre, sebbene comunque PinePhone Pro sia leggermente più spesso rispetto al suo predecessore, non si perderà la compatibilità verso tutte quelle perifiche esistenti, tra cui la tastiera PinePhone, PineDio, lettore di impronte digitali e custodie di ricarica wireless.

Al momento, PinePhone Pro costa $399 ed è disponibile per il pre-ordine (con spedizione a dicembre 2021) solo per sviluppatori di progetti partner e collaboratori autenticati.

Mentre per tutti gli utenti che desiderano avere tra le mani uno smartphone Linux, a Novembre (con spedizione all’inizio del 2022) sarà disponibile per il pre-ordine di PinePhone Pro Explorer Edition.

Per maggiori informazioni, puoi dare un’occhiata alla sezione FAQ del sito ufficiale, dove inoltre troverai il video promozionale di lancio del prodotto e un ampia galleria di immagini.

Fonte: pine64.org
Fonte: omgubuntu.co.uk
Fonte: 9to5linux.com
Fonte: wiki.ubuntu-it.org

Ecco il nuovo smartphone Linux: PinePhone Pro