Free Software Foundation chiede di rendere Windows 7 Open Source!

Free Software Foundation chiede di rendere Windows 7 Open Source!

All’interno della comunità Linux gli argomenti che si prendono in considerazione sono seri, soprattutto per la Free Software Foundation che in questo periodo di mare mosso a causa del fine supporto di Windows 7, ha riflettuto su ciò che si potesse fare, su come venire incontro alle persone che ultimamente si trovano spaesate in un mondo dove non vengono stimati gli ideali di condivisione e di comunità riguardo il software, ma solamente che numero sei in un conglomerato di quote d’azione che rende più ricca una società rispetto ad un’altra.

Queste considerazioni, derivano dal fatto che, se pur in questi ultimi tempi Microsoft abbia affermato che: “ama l’open source”, in tempi passati ha affondato il messaggio di open source che è rimasto vivo grazie al supporto di vari attivisti del software libero sparsi per il mondo.
È anche vero, che ultimamente Microsoft ha fatto grandi passi verso la giusta direzione, rilasciando componenti importanti di Windows come software libero, però occorre andare oltre e non fermarsi a questo e dimostrare che tutto ciò che sta facendo non è solo una campagna pubblicitaria e che non sta raccogliendo i benefici del software libero per sfruttare gli utenti.

Per farlo, Free Software Foundation chiede che Windows 7 venga rilasciato sotto forma di software libero, e ha lanciato una petizione sul web per sollecitare Microsoft a fornire Windows 7 alla comunità che potrà così migliorare e correggere il codice perché la storia del software libero insegna che il software non deve scadere e può persino essere scritto per durare cinquant’anni.

L’obiettivo iniziale era quello di ottenere 7.777 sostenitori per prendere posizione per la libertà dell’utente. Alla fine sono arrivate oltre 13.000 adesioni!

Upcycle Windows 7 petition image

Fonte: fsf.org, wiki.ubuntu-it.org